I NOSTRI APPELLI

Il nostro blog è pieno di appelli di animali sfortunati che cercano casa. E' anche pieno di storie: alcune molto tristi ma tante felici, una felicità resa possibile solo grazie al tuo sostegno.
Quindi, se cerchi il tuo amico peloso, se vuoi conoscere una realtà di dolore e di gioia, se vuoi sapere veramente chi siamo, non fermarti ai primi post, ma sfogliali tutti, perchè siamo certe, che tra tutti i meravigliosi musi che troverai, ce ne sarà uno che aspetta proprio te!

Cerca nel blog

CLIKKATE .........MI PIACE

PICCOLI AMICI GRANDI AMORI E' ANCHE SU FB
PER AIUTARCI CON LE ADOZIONI ..................VISITATE LA NOSTRA PAGINA ..........E CLIKKATE MI PIACE
PIU' CONTATTI RIUSCIREMO A RAGGIUNGERE E MAGGIORI POSSIBILITA' DI ADOZIONE AVRANNO LE NOSTRE ANIME PELOSE

Pagina FB


https://www.facebook.com/piccoliamicicgrandiamori?ref=ts&fref=ts
GRAZIE

giovedì 8 luglio 2010

SOS TERREMOTO L'AQUILA: 7 LUGLIO 2010












































L'Aquila, una città ferita.

Colpita da una tragedia inimmaginabile,
protagonista di un incubo senza risveglio.

Gli aquilani,

INSIEME

per gridare il proprio dolore e chiedere che i propri diritti
diventino i doveri di chi ci governa,
di chi DEVE MUOVERE I FILI DEL BENE COMUNE.
In 5.000, una marcia della pace verso Roma,
cittadini, sindaci, agenti della Polizia Municipale, dipendenti pubblici, pensionati, studenti....

GENTE PERBENE

Una marcia della pace,
con in cuore la speranza di essere ascoltati,
di poter far conoscere a una nazione intera i problemi
SAPIENTEMENTE TACIUTI DA UNA STAMPA DI PARTE.


Siamo partiti alle 7.00 da L'Aquila con gli autobus,
ci hanno aspettato all'uscita dell'autostrada Poliziotti e Vigili Urbani,
ci hanno scortato fino a Via dei Fori Imperiali dove siamo scesi
per andare verso Piazza Venezia direzione Parlamento Italiano,
l'organo che dovrebbe rappresentare la massima espressione della democrazia.


E lì abbiamo trovato la strada sbarrata,
poliziotti,
carabinieri,
guardia di finanza,
celerini
tutti schierati per impedirci l'accesso, per impedire l'accesso agli ....


sfollati.....
terremotati....
disoccupati.........
volontari..........
rappresentanti delle istituzioni..........
dipendenti pubblici...



Il regime del bavaglio
Il regime del divieto di accesso
Il regime dell'arroganza
Il regime dell'indifferenza
Il regime della censura

Ma noi abbiamo continuato la nostra marcia,
con dignità,
con caparbietà,
sotto il sole cocente,
asfissiati da un caldo torrido,
con i piedi gonfi,
con l'arsura che brucia la bocca


perchè c'eravamo il 6 aprile 2009,
siamo rimasti nella nostra città
nelle roulotte, nelle macchine e nelle tende
a lavorare per l'emergenza,
a lottare per i più deboli,
a difendere i diritti di una popolazione dilaniata


e c'eravamo anche oggi

Alcuni sono stati picchiati (il nostro amico Alfonso è stato preso a manganellate),
altri hanno avuto dei malesseri per il caldo,

ma non ci siamo arresi....

SIAMO ARRIVATI AL PARLAMENTO
POI A PALAZZO GRAZIOLI
INFINE AL SENATO

insieme a molti cittadini romani
che si sono uniti alla protesta

per combattere la nostra
BATTAGLIA

LA BATTAGLIA DELLA DEMOCRAZIA
LA BATTAGLIA DELL'UGUAGLIANZA
LA BATTAGLIA DELLA GIUSTIZIA

A TESTA ALTA COME SEMPRE

perchè

"Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa,
chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola.
"

Giovanni Falcone






video video video
Questo
messaggio lo dedichiamo ai folli.
A tutti coloro che vedono le cose in modo
diverso.
Potete citarli. Essere in disaccordo con loro.
Potete
glorificarli o denigrarli, ma l'unica cosa che non potete fare è
ignorarli.
Perché riescono a cambiare le cose.
E mentre qualcuno potrebbe
definirli folli, noi ne vediamo il genio.
Perché solo coloro che sono
abbastastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano
davvero.
Mahatma Gandhi
(Mohandas Karmchand Gandhi)